Crowdfunding per il progetto POETRE

L’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo, in collaborazione con l’Associazione Culturale Pellicano e con Gilgamesh Edizioni lancia una campagna a sostegno del progetto POETRE, curato dalla poetessa e traduttrice Valbona Jakova.

crowdfunding

La finalità dell’aiuto richiesto è nella realizzazione di due libri tradotti in lingua albanese dalla poetessa e traduttrice Valbona Jakova:
POETRE I : Una vibrazione ondeggiante delle ali. (testi di Andrea Garbin, Rosana Crispim Da Costa, Viorel Boldis)
POETRE II : L’onda dentro che sospinge. (testi di Valeria Raimondi, Beppe Costa, Jack Hirschman).
Lo scopo di questa collana è quello di creare possibilità di incontro e gemellaggio tra poeti di differenti nazionalità e culture, di creare collaborazioni tra i poeti e i traduttori e di far conoscere nei differenti paesi la parola poetica di autori che ancora non sono tradotti, andando quindi anche a coprire lacune e mancanze editoriali.

fronte poetre II

Su invito di alcune istituzioni in territorio albanese, dal 23 al 29 aprile, alcuni autori del Movimento dal Sottosuolo, ed altri, si recheranno in Albania per portare avanti il progetto POETRE. Questo dei gemellaggi culturali, artistici e poetici, nasce nel 2010 con la collana POETHREE, inizialmente edita da Thauma Edizioni ed ora da GILGAMESH EDIZIONI, e che ha visto in passato un gemellaggio con l’Irlanda, un libro con la Polonia e lo scambio culturale con la serbia nel festival SCONFINATEMENTI di Brescia e presso il circolo culturale universitario di Kragujevac.

Il progetto di crowdfunding è stato lanciato per coprire, almeno in parte, le spese di viaggio degli autori coinvolti e quelle di realizzazione dei due libri tradotti da Valbona Jakova:
POETRE – una vibrazione ondeggiante delle ali. (testi di Andrea Garbin, Rosana Crispim Da Costa, Viorel Boldis)
POETRE II – l’onda dentro che sospinge. (testi di Valeria Raimondi, Beppe Costa, Jack Hirschman).

Se pensate che il nostro progetto sia valido e vi sentite di poter contribuire potete trovare tutte le informazioni al seguente link
https://www.produzionidalbasso.com/project/poetre-2-londa-dentro-che-sospinge/

http://www.movimentodalsottosuolo.com/

Basir Ahang, Sogni di tregua (presentazioni e letture di Febbraio)

L’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo e Gilgamesh Edizioni sono lieti di informarvi dell’approssimarsi di quattro nuovi straordinari incontri con BASIR AHANG.

Scafati (SA)
sabato 20 ore 10
Liceo Scientifico Caccioppoli
Via Domenico Vellica, 56
incontro con gli studenti
a cura di Marcella Testa e Andrea Garbin

Castellammare di Stabia (NA)
sabato 20 ore 18
Circolo Nautico Stabia
via Giuseppe Bonito 2
organizzato dall’Associazione Achille Basile
a cura di Carmen Matarazzo
Sarà presente il poeta Andrea Garbin
direttore della collana “Le zanzare”

Lavinio – Anzio (RM)
Domenica 21 ore 17
Simposio di Lavinio
via delle Orchidee 61\a

Roma
Martedì 23 ore 19
Pellicanolibri
con Stefania Battistella e Beppe Costa
via Gattico

locandina-basir-leggera

BASIR AHANG è un poeta, giornalista e attivista per i diritti umani nato a Ghazni, in Afghanistan, nel 1984. Laureato all’Università di Kabul in “Storia e Letteratura persiana” con una tesi sulla poesia contemporanea dell’Afghanistan, ha iniziato la sua carriera scrivendo per diversi giornali locali, fondando e lavorando come produttore radiofonico per “Radio Malistan” e per molti altri mezzi di comunicazione locali a Kabul.

Nel 2006 mentre si trovava in Afghanistan iniziò a collaborare con un giornalista del quotidiano “La Repubblica”. In quel periodo, il giornalista e fotografo, Gabriele Torsello, venne rapito dai Talebani nella provincia di Helmand. Basir Ahang è stato direttamente coinvolto nella liberazione del giornalista, ottenendo rapporti confidenziali da parte delle autorità dei talebani che detenevano Torsello. Egli ha avuto così modo di conoscere i nomi dei rapitori. Dopo il rilascio di Torsello, è stato oggetto di minacce e intimidazioni da parte dei talebani e per questo costretto a fuggire dall’Afghanistan.

Nel 2008 Basir ha ottenuto lo status di rifugiato politico in Italia dove tuttora studia e lavora. In Italia ha lavorato anche come interprete e mediatore culturale. Nel 2009 e nel 2010 ha svolto il primo di due viaggi in Grecia, con l’obiettivo di documentare la tragica situazione dei rifugiati. Il resoconto di questi viaggi è stato raccontato nel suo documentario “La Voce di Patrasso” e nella pubblicazione di molti articoli su siti online tra i quali Kabulpress.org, sito del quale è responsabile per la parte relativa ai diritti umani.

Da anni si è occupato di diversi progetti rivolti a richiamare l’attenzione sulla situazione del suo popolo e soprattutto degli hazara, il terzo maggiore gruppo etnico in Afghanistan, a questo fine ha fondato assieme al giornalista Kamran Mir Hazar il sito www.hazarapeople.com.Quest’etnia è infatti da tempo immemorabile oggetto di discriminazioni e tentativi di pulizia etnica in Afghanistan e Pakistan. Basir Ahang ha anche collaborato con UHNCR (Agenzia della Nazioni Unite per i rifugiati). Tra i siti che hanno pubblicato i suoi articoli vanno annoverati Kabulpress, “BBC” Persian, Deutsche Welle, Al Jazeera, Radio Zamaneh e Frontiere News. In qualità di giornalista e attivista per i diritti umani Basir è stato inoltre candidato al premio “Images and Voices of Hope’s 2014” negli Stati Uniti.

Basir Ahang si occupa anche di poesia e di cinema. In veste di attore ha recitato nel cortometraggio del regista Hazara Amin Wahidi “L’ospite” vincitore del premio Città di Venezia 2014, evento collaterale della Mostra Internazionale d’Arte cinematrografica. In veste di giornalista ha invece preso parte al documentario dei registi Razi e Soheila Mohebi “Afghanistan 2014”.
Sue poesie sono state tradotte in italiano, in inglese e spagnolo. Nel 2014 ha partecipato al Festival Internazionale “Ottobre in Poesia” di Sassari, ottenendo il premio speciale della critica per una poesia in concorso. Basir è stato inoltre invitato a partecipare al festival internazionale di poesia di Medellin in Colombia che si terrà nel luglio del 2015.

http://www.gilgameshedizioni.com/home-gilgamesh-publishing/le-zanzare-poesia-dal-sottosuolo/

info@movimentodalsottosuolo.com

 

PRESTARSI AL MONDO CONVE(R/S)SI

Dopo il successo di ottobre e novembre 2015 proseguono gli incontri di poesia dal sottosuolo, iniziamo l’anno nuovo con una terza incredibile serata:


Sabato 16 gennaio 2016 alle ore 21
presso il Cafè Galeter di Borgosotto, in Montichiari (BS), in via G.Guerzoni 92h

PRESTARSI AL MONDO CONVE(R/S)SI
un nuovo spettacolo di musica e poesia

con letture di Max Gonzales, Giovanni Mauro,
Valbona Jakova e Antonino Caponnetto

accompagnamenti musicali di Massimo Moruzzi

PRESTARSI AL MONDO CONVE(RS)SI - 16 DICEMBRE 2016


MAX GONZALES è un elemento alquanto insolito all’interno del Movimento dal sottosuolo. Scrive racconti senza raccontare. Pubblica poesia ma non scrive poesie. Fa teatro ma ad ogni sua rappresentazione utilizza facce ed espressioni altrui nonostante sia un convinto sostenitore del teatro povero, in Barba a Grotowsky. Quando parla in realtà non dice, semplicemente ascolta la voce che mantiene viva in lui la fiamma della passione. Ama vivere tra le pieghe dei versi; odia profondamente chi scrive endecasillabi contanto le sillabe. Nonostante tutto ciò è forse l’elemento più serio di tutto il gruppo.

GIOVANNI MAURO nasce a Quistello un afoso giovedì di agosto del 1958. Alle elementari lo ricordano come un bambino grasso, solitario, secchione. Le bambine lo prendevano in giro. Era anche molto miope, comprensibilmente. Nonostante gli esordi è riuscito ad accoppiarsi e oggi la famiglia sopporta provvisoriamente il suo ego. Ha amato i Beatles, detesta i Rolling Stones. I suoi eroi sono Rackham, Borges e Kubrick. Il suo libro preferito è “Un canto di natale”. Medico, musicista, falconiere, non necessariamente in questo ordine, è autore di più di sessanta pubblicazioni sul dolore facciale, ma di nascosto dai colleghi d’università scrive racconti e favole. Non ditelo.
Ha pubblicato sull’antologia “Per natale non esco” (Transeuropa) e il libro di racconti “Il dono” (Di Pellegrini).

VALBONA JAKOVA, poetessa e traduttrice albanese, nipote del grande drammaturgo Kole Jakova, giunge in Italia nel 1991. Vive a Ghedi, in provincia di Brescia. Nel 1995 Pubblica la sua prima raccolta di poesie in albanese Enigmat e Pasmesnatës (Enigmi di dopomezzanotte) . Nel 1998 pubblica Kujt i takon kjo buzëqeshie e brishtë? (A chi tocca quest’esile sorriso?), presentato nell’antico palazzo della Lega Degli Scrittori a Tirana. Nel 1999 Escono le due traduzioni di Ungaretti: Raccolta di 37 poesie (ed. Mondadori); e di Neruda: Venti poesie d’amore e una canzone disperata (edizioni Accademia). Nel 2000 Presenta a Tirana la traduzione del libro di Padre Livio Fanzaga Perché credo a Medjugorje? (Sugarco Edizioni, best-seller dell’anno 98). Nel 2001 collabora come coautrice per il testo bilingue Ti racconto il mio paese, edito dall’editrice Vannini. Nel 2003 è vincitrice del primo premio per la sezione poesia al concorso “Immicreando 2003”organnizzato dalla Fondazione ISMU e dall’Arcidiocesi di Milano e premiato dal Cardinale Tettamanzi. Ad agosto presenta la seconda opera tradotta di Padre Livio Fanzaga Il Falsario (ed. Sugargo Edizioni, 1999). Nel 2006 cura il testo bilingue di fiabe albanesi Donne, cacciatrici e perfidi imbroglioni, della Sinnos Editrice con la redazione della scheda linguistica presente all’interno del libro. Nel 2007 pubblica in lingua albanese la raccolta di fiabe per ragazzi Gershetet e Eres (Weso Editrice, Tirana). Nel 2008 vince il primo premio al concorso nazionale di Poesie immigrate con la poesia “Lui tornerà”. Nell’anno sucessivo riceve anche un riconoscimento dall’Associazione Vatra Arbereshe per il contributo dato alla letteratura albanese in Italia. Nel 2011 al Concorso Nazionale di Poesia e Narrativa AlberoAndronico è seconda classificata, sezione autori di madre lingua non italiana per i libri pubblicati (2005-2010) con il libro di poesie che si intitola La tempesta delle ore. Nel 2012 riceve il Diploma, per il racconto Le montagne di Kuçit, al concorso AlberoAndronico. Lavora come Mediatrice-Operatrice linguistica culturale.

ANTONINO CAPONNETTO è nato a Catania, dove ha vissuto, salvo una breve pausa romana, fino al 1980. Dal 1981 vive a Mantova. Per l’Editore Campanotto ha pubblicato i due libri di poesie Forme del mutamento (1998) e La colpa del re (2002). Per le Edizioni Kolibris ha pubblicato la raccolta di versi Miti per l’uomo solo (2009). Suoi testi poetici sono stati radiotrasmessi e altri sono apparsi su rivista. Presso le Edizioni del Trito&Ritrito sono inoltre apparse (in limitato numero di copie destinate agli amici), quattro plaquettes: A che serve? (2001), Le chiare strade (2002), Contromovenze (2003) e Petits cahiers pour la douleur du pauvre (2005). Per la rivista “Zeta News”, dal 2002 al 2006, ha curato insieme a G. Sammito l’inserto “Atti Barbari”. Sia con altri che in proprio ha inoltre promosso e curato iniziative sulla poesia e, in particolare, sulla scrittura poetica. È presente in rete dal marzo 2012 con il blog Caponnetto-Poesiaperta: http://caponnetto-poesiaperta.blogspot.it/.

MASSIMO MORUZZI vive a Brescia. Tra le sue passioni la fotografia, la poesia e la musica. E’ stato chitarrista nel Grande Coro Insieme, in Corrente di Ali e in altri gruppi dedicati alla musica d’autore.

PRESTARSI AL MONDO IN VERSI

PRESTARSI AL MONDO IN VERSI - 17 OTTOBRE 2015

Sono passati mesi dall’ultimo degli incontri di poesia dal sottosuolo svoltosi presso il Galeter: era il gennaio scorso quando Milo De Angelis, con Viviana Nicodemo, portò una selezione di suoi testi ed un interessante intervento su Cesare Pavese. Dopo questo lungo periodo di lunga, apparente, calma, il Movimento dal Sottosuolo torna nel suo luogo d’origine con un nuovo ciclo di eventi ricco di sorprese.

Sabato 17 ottobre 2015 alle ore 21
presso il Cafè Galeter di Borgosotto, in Montichiari (BS), in via G.Guerzoni 92h

PRESTARSI AL MONDO IN VERSI
un nuovo spettacolo di musica e poesia

con letture di Fabio Barcellandi, Luca Artioli, Andrea Garbin e Fabrizio Arrighi

musiche di Caterina Carioscia (violino, voce)
e Valeria Bonazzoli (percussioni, chitarra)

lo spettacolo include un omaggio al grande poeta e uomo di pace amico del movimento, Naim Araidi, decedudo nel mese di settembre appena concluso.

naim_araidi

Per trovare ulteriori informazioni sul movimento dal sottosuolo potete navigare nel nostro sito ufficiale http://www.movimentodalsottosuolo.com/

SIRMIO INTERNATIONAL POETRY FESTIVAL

LOGO-FESTIVAL-SIRMIONE

SIRMIONE (BS) 18/19/20 SETTEMBRE 2015
PROGRAMMA

VENERDÌ 18 SETTEMBRE / SEPTEMBER 2015
h 17 Palazzo Callas Exhibition
Premiazione del Concorso Nazionale di Poesia Terra di Virgilio e presentazione del volume che raccoglie i migliori componimenti
International Award of Poetry “Terra di Virgilio”.

SABATO 19 SETTEMBRE / SEPTEMBER 2015
h 9 Palazzo Callas Exhibition: Convegno sulla Poesia e sull’editoria poetica
Interventi di Beppe Costa (Pellicanolibri), Andrea Garbin (Gilgamesh), Claudia Zironi (Versanteripido), Stefano Iori, Flavio Ermini (Anterem)
Coordinerà l’incontro Renata Salvarani.

h 10,30 Palazzo Callas Exhibition: Incontro con Naim Araidi (Israele) e Basir Ahang (Afghanistan)
I due poeti leggeranno alcuni loro testi e dialogheranno delle questioni che coinvolgono le popolazioni dei rispettivi Paesi. Moderano l’incontro Andrea Garbin e Igor Costanzo.

h 16 Chiesa di San Pietro in Mavino: Presentazione e letture dalle due antologie “Sotto il cielo di Lampedusa”
Con Pina Piccolo (curatrice e ideatrice), Gassid Mohammed (Iraq), Rosana Crispim Da Costa (Brasile), Benny Nonasky.

h 18.30 Piazzetta dei Catari: reading con Flavio Ermini, Rosa Pierno, Stefano Iori, Claudia Zironi.

h 21.30, Piazzale Orti Manara: reading con Antonella Lucchini, Ida Travi, Stefano Colletti, Antonino Caponnetto.

DOMENICA 20 SETTEMBRE / SEPTEMBER 2015
h 6.30 Spiaggia delle Muse: Letture dall’Antologia “SIGNORNO’! , Poesie e scritti contro la guerra”. Musica, presentazione e reading di alcuni autori.
Con Marco Cinque (musicista e curatore del volume), Liliana Arena, Beppe Costa, Marcella Testa.

h 10 Parco Tomelleri: reading con la partecipazione straordinaria di Sinan Gudzevic (Serbia), Giovanni Perrino, Lucianna Argentino, Luca De Risi

h 16 Chiesa di San Pietro in Mavino: reading con Paolo Aldrovandi, Francesca Rossetti, Catia Dinoni, Massimiliano Moresco, Jaime Andrès De Castro (Colombia)

h 18.30 Piazzetta dei Catari: reading con Chiara Catapano, Giulia Perroni, Iago Sannino, Gino Panariello

Eventi su Facebook:

Incontro con Naim Araidi e Basir Ahang
Sotto il cielo di Lampedusa
SignorNò! Poesie e scritti contro la guerra
Reading del sabato presso la Piazzetta dei Catari nel cuore di Sirmione
Reading poetico di SINAN GUDZEVIC, LUCIANNA ARGENTINO, LUCA DE RISI e GIOVANNI PERRINO

COME RAGGIUNGERE SIRMIONE

RIFLESSIONE PO(ETICA) Festival Internazionale di Poesia a Mantova e Sirmione, Maggio-settembre 2015

10982355_10205107063409712_3506660214491526952_n
Bene.  Tra pochi giorni,  il 18, 19 e 20 settembre, a Sirmione del Garda, apriremo  la seconda edizione di un  Festival  di poesia internazionale  in continuità con il Virgilio Festival, Mantova, dello scorso maggio.
Noi, dell’Associazione Movimento dal Sottosuolo,  che non ci facciamo mai gli affari nostri, dopo quasi una decina di anni di movimento culturale ossia di ostinata promozione della Poesia in tutte le salse possibili (Open Mic, contrasti letterari, manifest’Azioni,  presentazioni, incontri sul territorio, scorribande e sconfinamenti vari)  siamo approdati ai Festival!

Un caro amico sostiene che i Festival di Poesia sono oggi di moda come lo furono per anni i reading!  Vero forse, ma due parole vorrei spenderle, a questo punto: non è che  ci siamo alzati o alzate una mattina con l’idea del Festival di poesia, come è vero che in tutti questi anni non siamo stati o state stanziali. Ognuno di noi, seguendo le vocazioni personali  e la propria natura, si è spostato, ha curiosato, letto, incontrato, organizzato;  altri e altre  hanno tradotto poeti stranieri, raccolto storie, collaborato con editori che condividessero valori e intenti;  altri, altre ancora hanno tessuto, ossia intrecciato persone, poesia ed esperienze.  Il Movimento dal sottosuolo in quanto neonata Associazione,  raccoglie poeti di  Roma,  Napoli e altre parti d’Italia, ma può dire di conoscere dal vivo tutti i membri che oggi ne fanno parte, nessuno escluso.

Siamo stati presenti, anche e non solo,  ai Festival di Poesia a Sarajevo, Kragujevac,  Nissan, Sassari, Salerno, qualcuno si è spinto a curiosare  in Irlanda e Romania; abbiamo aderito a progetti internazionali come  Revolutionary Poets Brigade , One thousand poets for change,  Palabra en el mundo;  ci interessano i diritti alla vita,  alla libertà di parola, il lavoro delle donne sul linguaggio e nei territori.  Gli interventi nostri personali, come autori o autrici, dentro  produzioni antologiche, aderiscono a progetti ben precisi, a un’idea comune su tematiche attuali e alla necessità di dire chiari  No!  a  ingiustizie, guerre, morti insensate e drammi,  che ci coinvolgono come poeti dunque come cittadini del mondo.

Con il Virgilio e il Sirmiofestival tiriamo qualche filo del lavoro fino ad oggi fatto, non allo scopo di procurarci  visibilità, ma per poter regalare (la partecipazione agli eventi è gratuita),  momenti di poesia  vera.  Immaginiamo il Festival come  una grande Festa,  dove l’incontro sia tra persone, dove ci si guardi in faccia,  si conoscano e vivano le città e i luoghi.  Invitiamo sempre i nostri ospiti ad essere presenti per più giorni, non solo agli eventi che direttamente li coinvolgono:  li invitiamo a stare con noi, vogliamo che si conoscano.
Il Festival nasce dunque da un progetto preciso e pensato con cura,  e nasce dall’entusiasmo e dal desiderio di  cose ben fatte.  Un Festival dunque che non sia un contenitore vuoto da riempire con qualcosa o  qualcuno:  i contenuti li abbiamo, le idee non ci mancano, i poeti li scegliamo, sappiamo cosa vogliamo,  perciò  cerchiamo la forma che possa contenere e valorizzare  il contenuto.  Il contenuto è una  poesia che conti, sia per qualità  (dalla quale non si può prescindere) che per il messaggio che porta dentro legato anche ai progetti poetici collettivi costruiti per sostenere le minoranze,  i diritti alla vita e alla dignità.
Quattro gli  incontri complessivi   promossi, organizzati e  presentati dall’Associazione i cui link inserisco qui in basso e di cui citerò solo le brevi descrizioni

Ringraziamo tutte e tutti gli associati che vorranno prendere parte attiva al lavoro di coordinamento,  spostamenti , supporto etc.  durante i tre giorni:  per una scelta che ci pare ovvia e di buon gusto, abbiamo deciso che essendo organizzatori e curatori degli eventi stessi,  non saremo protagonisti  dei reading e incontri.  Dunque preparatevi,  ci sarà da lavorare, come sempre e da divertirsi, anche!

Ringraziamo gli amici, nostri e della poesia,  su cui possiamo sempre contare.

Valeria Raimondi

SABATO 19 SETTEMBRE / SEPTEMBER 2015
h 9 Palazzo Callas Exhibition: Convegno sulla Poesia e sull’editoria poetica
Interventi di Beppe Costa (Pellicanolibri), Andrea Garbin (Gilgamesh), Claudia Zironi (Versanteripido), Stefano Iori, Flavio Ermini (Anterem)

h 10,30 presso il Palazzo Callas Exhibition dopo il Convegno 

INCONTRO CON NAIM ARAIDI (ISRAELE) E BASIR AHANG (AFGHANISTAN).

NAIM e BASIR parleranno di poesia, leggeranno alcuni loro testi e dialogheranno delle questioni che coinvolgono le loro popolazioni. Moderano l’incontro Andrea Garbin e Igor Costanzo.

h16
presso la Chiesa di San Pietro in Mavino  

SOTTO IL CIELO DI LAMPEDUSA
reading e presentazione delle due antologie con
Pina Piccolo, Gassid Mohammed (Iraq), Benny Nonasky e Rosana Crispim Da Costa (Brasile/Italia)

 

Domenica 20  

h 6:30

Eccezionalmente alla Spiaggia delle Muse,

SIGNORNO’! – Poesie e scritti contro la guerra
Reading-presentazione dell’antologia
con Beppe Costa, Liliana Arena, Marcella Testa e Marco Cinque (voce e musiche)

ore 10

Parco Tomellieri
READING POETICO con la straordinaria partecipazione di SINAN GUDZEVIC (Serbia)

E con Giovanni Perrino, Lucianna Argentino, Luca De Risi

 

 

I 4 EVENTI

https://www.facebook.com/events/938654712839561/

https://www.facebook.com/events/599353816873438/

https://www.facebook.com/events/895288790550686/

https://www.facebook.com/events/954961654540598/

il programma:

Il Festival | Premio Nazionale Poesia Terra di Virgilio

Published in: on 29 agosto 2015 at 12:13  Lascia un commento  

ad Andrea Garbin il “Grand Prix International Orient-Occident for Arts”

Dall’8 al 14 luglio 2015 si è svolta la 19° edizione del Noptile De Poezie de La Curtea De Arges, un festival internazionale di poesia organizzato dalla Fondazione Orient-Occident. Il presidente Dumitru M Ion e il direttore artistico Carolina Ilika hanno accolto nella città rumena oltre 60 artisti, tra cui 49 poeti di nazionalità differenti. Il Movimento dal Sottosuolo è lieto di informare (e per questo ringrazia tutti gli organizzatori) che tra questi sono stati invitati, e dunque erano presenti, due autori membri del gruppo: Andrea Garbin e Luca Artioli.
20150708_100153

Il fitto programma ha visto i due autori italiani parteciparea una liunga serie di eventi:  alle “esibizioni dei libri della Fondazione” che ogni anno traduce e pubblica poeti stranieri; alle letture in lingua italiana, inglese e rumena svoltesi presso il Culture and Arts Centre “George Topirceanu” e presso il Bassarabd’S Municipal Muzeum; agli incontri con artisti e musicisti rumeni.
20150709_125114

Nella giornata del 13 luglio si è svolte in mattinata, presso la Master Manole’S Hall nel Palazzo Arcivescovile di Curtea De Arges, la cerimonia di investitura di due nuovi membri della Fondazione: il poeta e scrittore Lambert Schlechter (Lussemburgo) e l’attore Dorel Visan (Romania).

Nel pomeriggio si è svolta la cerimonia di consegna dei Premi Internazionali. Andrea Garbin è stato laureato vincitore del Grand Prize International Orient-Occident for Arts, un riconoscimento che non si limita a premiare la sua poesia, ma l’unione delle arti, che premia così anche il suo impegno per il teatro e per la cultura, in qualità di organizzatore e fondatore del Movimento dal Sottosuolo. La giuria, composta da alcune personalità del mondo culturale rumeno, tra cui scrittori, poeti, universitari, giornalisti e l’Arcivescovo di Curtea De Arges, ha inoltre consegnato l’Orient-Occident European Prize a Liora Bing-Heidecker (Israele) e l’International Grand Prize for Poetry a Marcela Polain (Australia).
017

In occasione del festival che si è svolto a Curtea De Arges (antica capitale della Valacchia), come tutti gli anni, la fondazione ha selezionato alcune poesie e realizzato un libro antologico da inserire negli archivi di alcuni festival, musei e istituzioni culturali. Il libro è pubblicato in lingua inglese e rumena, e contiene tre poesie di Andrea Garbin e tre di Luca Artioli.
006

Andrea Garbin e Luca Artioli ospiti al CURTEA DE ARGES INTERNATIONAL POETRY FESTIVAL

Nella città di Curtea De Arges, in Romania, nelle giornate che vanno dall’8 al 14 luglio 2015, si svolgerà la 19° edizione del International Festival Noptile De Poezie Poetry Nights. Saranno 60 i poeti invitati, di 30 differenti nazionalità. Tra i selezionati ci saranno, a rappresentare l’Italia, due poeti mantovani entrambi membri del movimento dal Sottosuolo: Andrea Garbin e Luca Artioli.

Il festival, organizzato dalla Fondazione Accademia Internazionale Orient-Occident, e dai poeti Carolina Ilica e Dumitru M.Ion, fa parte del circuito di festival che include i festival di Struga (Macedonia) e Medellin (Colombia), due tra i più grandi e importanti festival mondiali di poesia.
In occasione del festival che si svolge a Curtea De Arges (antica capitale della Valacchia), come tutti gli anni, la fondazione seleziona alcune poesie per realizzare un libro antologico da inserire negli archivi di alcuni festival, musei e istituzioni culturali. Per l’edizione del 2015 sono state dunque selezionate e saranno quindi tradotte in inglese e rumeno tre poesie di Garbin e Artioli, che sono in oltre in lizza per due premi da consegnarsi nelle giornate del festival: The European Prize for Poetry e The International Grand Prize for Poetry.

Il fitto programma del festival prevede, tra le altre cose, la presentazione dell’antologia, incontri con il sindaco della città e presso il Bassarab’s Museum, e incontri con artisti locali, musicisti e gruppi di danze folkloristiche.

a-001
(copertina dell’antologia dello scorso anno)

Ecco l’elenco completo degli AUTORI INVITATI PER IL 2015:

-Dumitru M. Ion (Romania)
-Martha Canfield (Uruguai)
-Luz Mary Giraldo (Columbia)
-Carla Harryman (S.U.A.)
-Marcella Polain (Australia)
-Mirian Caloretti Castillo (Peru)
-Lana (România)
-Torgeir Rebolledo Pedersen (Norvegia)
-Leticia Luna (Mexic)
-Keith Garebian (India/ Canada)
-Rodolfo Hasler (Cuba/ Spania)
-Mike Williams (Anglia, Marea Britanie/ Australia)
-Hermine Navasardian (Armenia)
-Simon Zavala Guzman (Ecuador)
-Stevka Smitran (Bosnia și Hețegovina/ Italia)
-Malak Sahioni Soufi (Siria/ Marea Britanie)
-Andea Garbin (Italia)
-Robert Max Steenkist (Olanda/ Columbia)
-Stanka Boneva (Bulgaria)
-Goya Gutierrez Lanero (Spania)
-Barrett Watten (S.U.A.)
-Claudine Bertrand (Canada)
-Jacob Issac (R. Africa de Sud/ India)
-Mathura (Estonia)
-Karina Galvez (Ecuador/ S.U.A.)
-Dorit Weisman (Israel)
-Damir Sodan (Croația) )
-Manfred Chobot (Austria)
-Ana Maria Unhold (Argentina)
-Mihret Kebede (Etiopia)
-Mariana Nicolae (România)
-Lucia Leon (Spania)
-Liora Bing-Heideker (Israel)
-Hector Edgardo Palacios (Argentina)
-Gihan Omar (Egipt)
-Lambert Schlechter (Luxemburg)
-Hilal Karahan (Turcia)
-Ime Biassoni (Argentina)
-Tigran Kapoyan (Siria/ Armenia)
-Dimana Ivanova (Slovacia/ Bulgaria)
-Luca Artioli (Italia)
-Rasha Omran (Siria/ Egipt)
-Halima Malki (Algeria)
-Alex Cetățeanu (Canada/ România)
-Dariusz Pacak (Polonia/ Austria)
-Levon Blbulyan (Armenia)
-Gladys Betriz Lopez Pianesi (Argentina)
-Dagmar Chobot (Austria)
-Carolina Ilica (România)
***
– Acad. I.P.S. Calinic ( eseist, Arhiepiscop al Argeşului şi Muscelului ) (România)
– Dumitru Codruț Scurtu (muzician, dirijor protopsalt)
– Ionuț Cîrstea (muzician)
– Viviana Ilea (poetă) (România)
– Mihai Golescu ( eseist, profesor dr., ziarist, director ziarul Argeşul, vicepreşedinte al Consiliului Director al Fundaţiei Academia Internaţională Orient-Occident) (România)
– Dumitriu Augustin Doman (prozator, secretar al Filialei Piteşti/ Argeş a Uniunii Scriitorilor (România)
– Gheorghe Ungureanu ( poet) (România)
– Nicolae Stelea (poet, prozator, membru al Consiliului Director al Fundaţiei Academia Internaţională Orient-Occident) (România)

***

– Florin Tecău (profesor dr., preşedinte al Consiliului Judeţean Argeş) (Piteşti)
– Constantin Polexe (vicepreşedinte, Consiliul Judeţean Argeş) (Pitești)
– Nicolae Diaconu (inginer, primar al municipiului Curtea de Argeş) (Curtea de Argeș)
– Cristian Mitrofan (economist, viceprimar, municipiul Curtea de Argeş) (Curtea de Argeș)
– Gheorghe Nicuț (profesor, vicepreşedinte al Consiliului Director al Fundaţiei Academia Internaţională Orient-Occident) (Curtea de Argeş)
– Ştefan Dumitrache (eseist, directorul Muzeului Municipal Curtea de Argeș) (Curtea de Argeș)
– Iulian Uță (director, Profit) (Curtea de Argeș)
– Sorin Sorescu (profesor) (Curtea de Argeş)
– Sandu Nichita (președinte, ARGCOMS) (Curtea de Argeș)
– Mihai Tița (profesor, director economic, Fundaţia Academia Internaţională Orient-Occident) (România)
– Florin Scărlătescu) (architect, membru al Consiliului Director al Fundaţiei Academia Internaţională Orient-Occident) (România)
– Nicolae Mărgăritescu (preot, consilier, Arhiepiscopia Argeşului şi Muscelului (Curtea de Argeş)
– Simona Hirică (manager, Centrul de Cultură şi Arte George Topîrceanu) (Curtea de Argeş)
– Mihail Badea (inginer, REMERO SA) (Curtea de Argeș)
– Gabriel Moisescu (curator, Muzeul Municipal Curtea de Argeș) (Curtea de Argeș)
– Jean Duță (pictor) (Tulcea, România)
– Traian Duță (sculptor) (România)

6 poeti dal sottosuolo a LA PALABRA EN EL MUNDO

Per l’edizione 2015 il Festival LA Palabra en el Mundo vede la partecipazione di sei poeti membri del Movimento dal Sottosuolo. Liliana Arena, Marcella Testa, Valeria Raimondi e Andrea Garbin figurano infatti negli eventi di Castellammare di Stabia (NA); Igor Costanzo e Stefania Battistella saranno invece ospiti degli eventi di Venezia.

castellammare

venezia

SOGNI DI TREGUA, di BASIR AHANG

Il mese di maggio porterà in tutta Italia il sesto volume della collana “Le Zanzare”,
la raccolta di poesie di Basir Ahang, intitolata “Sogni di tregua” che con i suoi versi ci porterà nelle terre dell’odierno Afghanistan per farci conoscere la realtà della popolazione Hazara, minoranza perseguitata di cui fa parte.

Con la copertina realizzata da Gian Ruggero Manzoni, la prima edizione è stampata in 93 esemplari numerati e firmati.

Copertina Sogni di tregua

QUESTO MOMENTO MI APPARTIENE

Questo momento mi appartiene
per il peregrinaggio e lo sconforto
per tutto ciò che è stato e non è più

le orme dei miei piedi segnano il tracciato di molti confini
da Kabul a Roma
da Tamerlano a Giulio Cesare
passando per terre che trasudano de Gobineau

questo momento mi appartiene
ed io lo regalo a mia madre
che per tutta la vita ha ricamato i suoi desideri
su scampoli di cotone
solo per permettere a mio padre
di soffiarcisi il naso

per le mie sorelle isolate dal mondo
e per i miei fratelli
che al posto dei libri
senza averne l’intenzione
hanno imbracciato i fucili

questo momento mi appartiene
ed io lo donerò alle lacrime e alle grida
affinché il riflesso e l’eco
sveglino i sordi e ridiano la vista ai ciechi
della mia città

questo momento non mi appartiene più
è tempo di andare
tocca a me raccontare le acque vagabonde
del Mediterraneo
affinché le orme dei miei piedi divengano indelebili


Basir Ahang è poeta, giornalista e attivista per i diritti umani nato a Ghazni, in Afghanistan, nel 1984. Laureato all’Università di Kabul in Storia e Letteratura persiana con una tesi sulla poesia contemporanea dell’Afghanistan, ha iniziato la sua carriera scrivendo per diversi giornali locali, fondando e lavorando come produttore radiofonico per Radio Malistan e per molti altri mezzi di comunicazione locali a Kabul. Nel 2006, mentre si trovava in Afghanistan, iniziò a collaborare con un giornalista del quotidiano La Repubblica. In quel periodo, il giornalista e fotografo, Gabriele Torsello venne rapito dai Talebani nella provincia di Helmand.
Basir è stato direttamente coinvolto nella liberazione del giornalista, ottenendo rapporti confidenziali da parte delle autorità dei talebani che detenevano Torsello. Ha avuto così modo di conoscere i nomi dei rapitori. Dopo il rilascio di Torsello, è stato oggetto di minacce e intimidazioni da parte dei Talebani e per questo costretto a fuggire dall’Afghanistan. Nel 2008 ha ottenuto lo status di rifugiato politico in Italia dove tuttora studia e lavora. Nel 2009 e 2010 ha viaggiato in Grecia con l’obiettivo di documentare la tragica situazione dei rifugiati. Il resoconto di questi viaggi è stato raccontato nel suo documentario La Voce di Patrasso e nella pubblicazione di molti articoli su siti online tra i quali Kabulpress.org, del quale è responsabile per la parte relativa ai diritti umani. Da anni si occupa di diversi progetti volti a richiamare l’attenzione sulla situazione del suo popolo e soprattutto degli Hazara, il terzo maggiore gruppo etnico in Afghanistan. A questo fine ha fondato assieme al giornalista Kamran Mir Hazar il sito http://www.hazarapeople.com. Quest’etnia è infatti da tempo immemorabile oggetto di discriminazioni e tentativi di pulizia etnica in Afghanistan e Pakistan. Basir ha anche collaborato con UHNCR (Agenzia della Nazioni Unite per i rifugiati). Tra i siti che hanno pubblicato i suoi articoli vanno annoverati Kabulpress, “BBC” Persian, Deutsche Welle, Al Jazeera, Radio Zamaneh e Frontiere News. In qualità di giornalista e attivista per i diritti umani Basir è stato inoltre candidato al premio Images and Voices of Hope’s 2014 negli Stati Uniti. Basir si occupa anche di poesia e di cinema. Ha recitato nel cortometraggio del regista Hazara
Amin Wahidi L’ospite vincitore del premio Città di Venezia 2014. In veste di giornalista ha invece preso parte al documentario dei registi Razi e Soheila Mohebi “Afghanistan 2014”.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 148 follower