Crowdfunding per il progetto POETRE

L’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo, in collaborazione con l’Associazione Culturale Pellicano e con Gilgamesh Edizioni lancia una campagna a sostegno del progetto POETRE, curato dalla poetessa e traduttrice Valbona Jakova.

crowdfunding

La finalità dell’aiuto richiesto è nella realizzazione di due libri tradotti in lingua albanese dalla poetessa e traduttrice Valbona Jakova:
POETRE I : Una vibrazione ondeggiante delle ali. (testi di Andrea Garbin, Rosana Crispim Da Costa, Viorel Boldis)
POETRE II : L’onda dentro che sospinge. (testi di Valeria Raimondi, Beppe Costa, Jack Hirschman).
Lo scopo di questa collana è quello di creare possibilità di incontro e gemellaggio tra poeti di differenti nazionalità e culture, di creare collaborazioni tra i poeti e i traduttori e di far conoscere nei differenti paesi la parola poetica di autori che ancora non sono tradotti, andando quindi anche a coprire lacune e mancanze editoriali.

fronte poetre II

Su invito di alcune istituzioni in territorio albanese, dal 23 al 29 aprile, alcuni autori del Movimento dal Sottosuolo, ed altri, si recheranno in Albania per portare avanti il progetto POETRE. Questo dei gemellaggi culturali, artistici e poetici, nasce nel 2010 con la collana POETHREE, inizialmente edita da Thauma Edizioni ed ora da GILGAMESH EDIZIONI, e che ha visto in passato un gemellaggio con l’Irlanda, un libro con la Polonia e lo scambio culturale con la serbia nel festival SCONFINATEMENTI di Brescia e presso il circolo culturale universitario di Kragujevac.

Il progetto di crowdfunding è stato lanciato per coprire, almeno in parte, le spese di viaggio degli autori coinvolti e quelle di realizzazione dei due libri tradotti da Valbona Jakova:
POETRE – una vibrazione ondeggiante delle ali. (testi di Andrea Garbin, Rosana Crispim Da Costa, Viorel Boldis)
POETRE II – l’onda dentro che sospinge. (testi di Valeria Raimondi, Beppe Costa, Jack Hirschman).

Se pensate che il nostro progetto sia valido e vi sentite di poter contribuire potete trovare tutte le informazioni al seguente link
https://www.produzionidalbasso.com/project/poetre-2-londa-dentro-che-sospinge/

http://www.movimentodalsottosuolo.com/

Annunci

I MORTI DELLA SELVA

Mattia Decò, in collaborazione con l’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo, presenta un nuovo e avvincente evento culturale, presso la Bedizzole Academy Of Music.

Venerdi 6 marzo alle ore 21

Bedizzole Academy of Music

Via Benaco 2/B, 25081 Brescia

I MORTI DELLA SELVA
Incontro con l’autore di gialli
FABRIZIO ARRIGHI

arrighi

Nel corso della serata l’autore parlerà del “Movimento Dal Sottosuolo” e del “Culto dell’oggetto“; presenterà poi i suoi due romanzi gialli, parte di una trilogia ambientata tra Brescia e il Lago di Garda: “Orme insanguinate sulle isole galleggianti” e “I morti della selva”.

Lonato del Garda. In un nebbioso pomeriggio di novembre Elettra Aliprandi scompare, in circostanze misteriose, dall’interno della basilica. A distanza di tre anni le indagini sono ancora in fase di stallo. In un ultimo disperato tentativo di ritrovarla, i familiari si affidano all’investigatore Brando Ferretti, personaggio sopra le righe dal linguaggio sboccato e irresistibilmente simpatico. A distanza di tempo dai fatti narrati nel primo capitolo della trilogia, si ricompone il trio Ferretti, Terenzi, Andriotto. Sarà l’inizio di una lunga corsa a ostacoli costellata da nuovi atroci delitti. Attraverso labili indizi e depistaggi fuorvianti, Brando entrerà in un mondo dove i confini tra menzogna e verità sono molto labili svelando così l’assoluto degrado morale di insospettabili personaggi.

“La descrizione paesaggistica ed enogastronomica del territorio, sono tipiche dello scrittore innamorato della propria terra e hanno una pennellata quasi cinematografica. Brando è un personaggio costruito a tavolino con tratti autobiografici e anti-autore, che rivela pure una certa critica sociale alla Izzo.”

I libri si Fabrizio Arrighi si possono trovare anche in rete: http://www.lampidistampa.it/fabrizio-arrighi/1380.html

Fabrizio Arrighi è nato a Lonato del Garda. Vive a Mazzano (BS). Nel corso della vita ha svolto vari lavori: assicuratore, venditore, operaio, impiegato. Appassionato di letteratura, inizia a scrivere i primi racconti sin dalla giovinezza. “Orme insanguinate sulle isole galleggianti” è il primo romanzo di una trilogia noir che vede come protagonista l’investigatore Brando Ferretti. Nel 2010 ha pubblicato “La fonte del fabbro”, romanzo che racconta l’esperienza della guerra vissuta dal padre. Arrighi è tra i fondatori del Movimento dal sottosuolo, gruppo di autori con sede al Caffè Galeter di Montichiari e con i quali, nel 2014, ha pubblicato “Manifest’Azioni dal Sottosuolo” (Seam Edizioni).

EMERGERE: VOCI DAL SOTTOSUOLO

L’anno nuovo è iniziato da ormai quasi un mese e del Movimento dal Sottosuolo s’è persa traccia al Caffé Galeter, da almeno due mesi. Ma non disperate, perché il 2015 sarà un anno ricco di grandi novità. L’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo ha per questo deciso di organizzare una serata di poesia, nello stile dei rodati Incontri Internazionali di Poesia dal Sottosuolo, durante la quale potrete ascoltare i poeti leggere i propri versi o quelli di altri poeti, durante la quale potrete conoscerli e, se siete davvero curiosi e appassionati di poesia, venire a conoscenza dei nuovi progetti che hanno lo scopo di diffondere e far conoscere la poesia contemporanea internazionale.

Vi invitiamo dunque al Caffè Galeter,
il 7 febbraio alle ore 21:00.

EMERGERE: voci dal sottosuolo
-letture estemporanee di poesia-

Potete leggere gli autori presenti nella locandina sottostante, ma attenzione: le sorprese non mancano mai al Galeter, potrebbero dunque aggiungersi nuovi poeti!!!

EMERGERE _ voci dal sottosuolo

DadaTennis Poetico

APNEA, di Igor Costanzo

Sabato 13 dicembre 2014, alle ore 21:00, presso il Caffè Letterario Primo Piano, in via Cesare Beccaria 10, a BRESCIA, l’Associazione Culturale Movimento dal sottosuolo invita il pubblico alla presentazione del libro di poesie APNEA di Igor Costanzo, edito da Seam Edizioni.

La presentazione si svolgerà dalle 21:00 nella saletta multimediale del locale. Sarà presente l’autore. Condurrà l’incontro il poeta mantovano Andrea Garbin. Musiche di Carmelo Buccafusca.

locandina sottosuolo piccola

Igor Costanzo si laurea a Verona in Lettere Moderne e Filologia Moderna. Attualmente insegna a Brescia Nel 1998 scrive per Rai 3 la pièce teatrale Le ferite aperte dalla monotonia. Dal 1999 collabora con i Timoria, rimanendo in contatto con i componenti Enrico Ghedi e Omar Pedrini; quest’ultimo inserisce la sua poesia “Italia” nell’album intitolato Che ci vado a fare a Londra? È stato assistente di Francesco Conz, ma la sua attività di promozione culturale prosegue fondando l’editrice Volo Press pubblicando e traducendo alcuni volumi di Paul Polansky ed Enrico Ghedi prima, dirigendo poi con Beppe Costa e Stefania Battistella la collana “Inediti rari e diversi” della Seam Edizioni. Igor Costanzo dedica tutta la sua vita alla poesia, incontrando poeti quali, fra gli altri, Jack Hirschman, Hermann Nitsch, Lawrence Ferlinghetti, Alda Merini; come presidente della commissione cultura del comune di Moniga Del Garda, organizza numerosi incontri poetici e culturali portando in italia diverse personalità importanti, appartenenti al mondo della letteratura.

Nel 2013 è promotore del premio alla carriera conferito a Fernando Arrabal, e nel 2014 a Jack Hirschman. Le sue poesie sono tradotte in varie lingue, tra cui inglese, sloveno, francese, cinese. Nota conclusiva Nel corso della serata, oltre ad acquistare il libro di Igor Costanzo, sarà possibile sostenere le attività dell’associazione acquistando una copia del libro Manifest’Azioni dal Sottosulo, oppure iscrivendosi all’associazione come socio sostenitore avendo così diritto a ricevere una copia del libro. Sarà inoltre possibile registrarsi alla newsletter del movimento.

L’ultima uscita di Antioche Tambre Tambre

Quando, nel 2008, è nato il Movimento dal Sottosuolo, i membri fondatori, e a seguire i nuovi adepti, avevano di già intuito che gli starmbi conportamenti reciproci, avrebbero nel loro futuro portato innumerevoli sorprese. Mai nessuno però aveva preso in considerazione la dipartita di uno dei fondatori o addirittura l’infimo tradimento. E così Antioche Tambre Tambre ha scelto la strada del tradimento! Era divenuto quasi un mito per la sua avversione nei confronti delle pubblicazioni, infatti aveva realizzato con le proprie mani una sola ed unica copia della sua opera dada-surreal-patafisica “La ricerca dell’aria dalla A alla Z”, portandola per anni in giro con se stesso. E pensare che su quell’unico libro avevano posto le loro parole autori sbalorditi alla richiesta di un autografo su un libro scritto non da loro. Ultimi in ordine cronologico possiamo ricordare Fernando Arrabal, Jack Hirschman e Beppe Costa. Va detto che da un po’ di tempo ATT (così lo chiameremo da ora in avanti) aveva dato segnali di cedimento. In pubblico non era più lo stesso, nelle riunioni del movimento non era più attento come un tempo, e durante le Manifest’Azioni sembrava come spaesato. Alcuni attribuirono quella sua crisi allo sconsiderato abuso di assenzio. In realtà ATT covava qualcosa di più scombinato. La situazione interiore del nostro stava franando. Fu così che inizio ad intraprendere misteriori viaggi in Svezia. Poi accadde l’inaudito. Un giovane editore mantovano, Dario Bellini di nome e di fatto, che aveva fondato in quel di Asola una casa editrice nominandola Gilgamesh Edizioni, riusci a strappare ad ATT un contratto editoriale. A quel punto fu chiaro a tutti che ATT era caduto nel vortice del capitalismo più bieco. L’unico libro fatto a mano divenne oggetto di mercato e nel buon vecchio ATT crebbe l’ossesione delle vendite. Igor Costanzo, il più indignato del gruppo, arrivò a diseredare ATT, pur non avendone alcun potere. Accadde l’imprevedibile. Il 7 novembre 2014 ATT o chi per lui (era sempre difficile capire fosse o no presente alle presentazioni della sua opera) si trovò al Caffè Letterario Primo Piano di Brescia per una nuova presentazione. Fu proprio lì che Igor sbottò mettendo sul capo di ATT una maledizione. E pensare che Andrea Garbin aveva anche avuto la brillante idea di mettere per iscritto un serio intervento critico che potesse valorizzare l’opera di ATT (potrete leggerla  nelle righe che seguiranno). La serata si consluse nel caos e l’indomani ATT, che era in quel di Brescia con un permesso speciale (essendo ancora rinchiuso nelle carceri svedesi per un reato tuttoggi poco chiaro) non si presentò in questura per firmare i documenti del permesso. A dieci giorni dall’accaduto giunge così notizia dell’accaduto ai membri del Movimento. ATT è stato arrestato nel corso di una sua scorribanda all’interno di un fast-food. Riportato in Svezia è rimasto in isolamento per tre giorni, finchè per sua fortuna è intervenuto Carlo XVI Gustavo di Svezia proponendogli la grazia a condizione che non lasciasse la Svezia. Ovviamente ATT, attratto dalle bellezze locali, ha pensato di tradire il Movimento dal Sottosuolo e rimanersene, libero, in Svezia. Grande fortuna per l’editore, questo tradimento. Le vendite si sono impennate, e come in tutte le famiglie degne di nota hanno cominciato ad apparire i parenti. ATT è così stato sostituito dal fratello minore Vincent Tambre Tambre. I pettegoli dicono sia riuscito a fare annullare il contratto di ATT e di impossessarsi di tutti i diritti dell’opera. Qui sotto vi mostriamo le foto segnaletiche dei due fratelli.

1. Il fu Antioche Tambre Tambre.
ATT

2. La prima apparizione di Vincent Tambre Tambre

VTT
Ed ecco invece la nota con cui Andrea Garbin ha introdotto ATT a Brescia:

Nel presentare “La ricerca dell’aria dalla A alla Z” non si può fare a meno di tornare al dadaismo e al futurismo. Come accadeva per i due movimenti nati agli inizi del ‘900, nelle presentazioni di Antioche Tambre Tambre potrete notare una ossessiva necessità di stupire con manifestazioni inusuali e provocatorie che a prima vista semprerebbero essere propositive di un nuovo modo di proporre l’arte. Non è così. Qui non c’è niente di nuovo. Siamo a uno stadio successivo. Ed è proprio questo uno dei fondamenti dell’arte di A.T.T. La necessità di ripetere continuamente ciò che un tempo poteva stupire e che oggi non può più. La performance diviene allora un percorso grottesco, al limite del ridicolo e banale, con un pizzico di teatralità panica, che mette in mostra lo stallo, un punto morto della ricerca culturale artistica cui siamo giunti oggi. Non è forse questo che accade negli odierni ambienti culturali ed artistici? Il ridicolo e banale desiderio di mettere in luce se stessi, il proprio nome, la propria identità, il proprio io, piuttosto che il concentrarsi sull’opera d’arte? Non dimentichiamoci che mentre i futuristi appoggiavano la guerra, i dadaisti la ripudiavano. Vi erano quindi delle chiare prese di posizione. A.T.T. sembra invece volerci dire che oggi, per noi occidentali, non ci sono prese di posizione, non ha senso schierarsi da una parte o dall’altra, perché le guerre non ci appartengono direttamente, per lo meno sul nostro territorio. L’unica cosa da combattere è l’appiattimento, quel sistema che spinge alla mercificazione di tutto, anche della nostra stessa immagine. Noterete infatti che nelle performance di A.T.T. mai si parla dell’oggetto libro. L’unica cosa che conta nella performance è il desiderio di smascherare l’autore, sapere chi si cela sotto lo pseudonimo. Potremmo dire che A.T.T. è come Bansky. Firmando le proprie opere con uno pseudonimo vuole dirci che in un mondo dove tutto e tutti mirano ad essere famosi, l’arte finisce col perdere i suoi valori. I fruitori infatti non sono più attratti dall’opera in sé, ma dalla curiositàdell’identità celata. Ricordiamoci che il titolo dell’opera ci dice che c’è un percorso che parte da un punto A e che finisce in un punto Z. In questo spazio si cela dunque l’aria necessaria al vivere, un angolo in cui poter respirare tranquilli, al di fuori, forse elevati, dal marasma che ingurgita tutto e tutti. Ed è lì che il vero A.T.T. si rifugia, creando un mondo tutto suo. Un mondo in versi ricco di elementi surreali e privo di razionalità, dove ogni lettera scandisce un passo in avanti come se fossimo nle mezzo di una via crucis. Solo il lettore che leggerà il libro potrà dunque capire se alla fine ci sarà una crocifissione o una liberazione.

ARIA

I POETI DAL SOTTOSUOLO e LE ZANZARE

Gioverdì 27 novembre ore 21:00
presso Caffè Galeter
in via G.Guerzoni 92h,
Borgosotto di Montichiari (BS)
“letture di Luca Artioli, Igor Costanzo,
e Valbona Jakova

presentazione della collana di poesia “Le zanzare”
ospiti internazionali: Nenad Glišić e Ivana Maksić (Serbia)

zanzare

 

NENAD GLIŠIĆ
Nenad Glišić è nato nel 1972 a Kragujevac, in Jugoslavia. Poeta e scrittore, editore e performer. In patria ha pubblicato sette libri di poesia: Patria, tu sei come la cirrosi per il fegato; Inni dei kamikaze; Fiori di Hiroshima; Canti di natura e società; Anachronicles; All’ombra dell’albero della conoscenza; Ere.Cicli. Autore anche del romanzo Tutto sui maldicenti e delle storie brevi Persone e situazioni, si è esibito come musicista sperimentale e artista multimediale. Vive a Kragujevac, in Serbia. È tradotto in Italia, da Francesca Leonardi, nella collana “Le zanzare” con il libro Nella pancia della bestia.

nenad

IVANA MAKSIĆ
Ivana Maksić è nata nel 1984 (Serbia). Ha pubblicato un libro di poesie O telo tvori me (O corpo in-corpo-ra me) nel 2011. Si è laureata presso la Facoltà di Novi Sad, Dipartimento di Lingua e Letteratura Inglese. Una sua successiva raccolta di poesie è pronta per la pubblicazione e si intitola Izvan komunikacije (Oltre la comunicazione). Traduce poesie, saggi e brevi opere in prosa dall’inglese al serbo ed è il redattore capo della rivista letteraria Koraci (Passi). È tradotta in Italia, da fabio Barcellandi, nella collana “Le Zanzare” con il libro La mia paura di essere schiavi.

ivana

LUCA ARTIOLI
Luca Artioli nasce a Mantova nel 1976, dove tuttora vive. Ha pubblicato quattro libri di poesie: Fragili apparenze; Suture – La poesia come resilienza; L’inventario dell’uomo solo; La casa a cui vieni. Per la narrativa ha pubblicato la raccolta di racconti Come ladri di vento. È inoltre presente sull’antologia The Sleepers, racconti tra sogno e veglia. Recentemente ha ampliato la sua ricerca avvicinandosi al mondo della fotografia partecipando anche ad alcune esposizioni fotografiche.

IGOR COSTANZO
Igor Costanzo è nato a Desenzano D/G nel 1980. Attualmente vive a Moniga del Garda. Insegnante, poeta, editore e performer, ha pubblicato i libri di poesia I wish to be light, Innocenza in bilico, Il cavallino blu, Apnea. Laureatosi a Verona in Lettere Moderne, ha lavorato nell’Archivio Contz. Organizza eventi di poesia e cura, con Beppe Costa, la collana Inediti rari e diversi, per Seam Edizioni. Dal 2010 fa parte della Revolutionary Poets Brigade.

VALBONA JAKOVA
Valbona Jakova, poetessa e traduttrice albanese, giunge in Italia nel 1991. Vive a Ghedi. Ha pubblicato i libri di poesia: Enigmi di dopomezzanotte, A chi tocca quest’esile sorriso? e La tempesta delle ore. Nel 2009 ha tradotto Ungaretti: Raccolta di 37 poesie (Ed.Mondadori). Ha tradotto inoltre Neruda e Padre Livio Fanzaga. È autrice della raccolta di fiabe per ragazzi Gershetet e Eres.

STELLA UMANA di SARAH MENEFEE

Il 26 settembre 2014 ho avuto il grande piacere di ospitare e presentare la poetessa ed attivista statunitense Sarah Menefee, presso il Caffè Letterario Primo Piano di Brescia.

DSC06266

Sarah Menefee, membro fondatore del movimento Occupy e della Revolutionary Poets Brigade, da anni lotta per i diritti dei senzatetto. Ha letto alcune poesie tratte dai suoi libri editi in Italia e ha dialogato col pubblico parlando dei movimenti di protesta, delle sue idee di lotta conto il potere e il sistema. QUello che mi sento di dirvi è solo questo: NON PERDETEVI IL SUO NUOVO LIBRO “STELLA UMANA” edito da Multimedia Edizioni di Salerno.

Vi saluto con una breve nota al libro:

È un libro che brucia, che arde. Sono versi che stimolano la rivolta e il disgusto nei confronti del sistema che schiaccia i deboli e gli emarginati, i sottomessi e gli umiliati. È un libro fisico, un corpo poetico, sono poesie che compongono un corpo che danza e che lotta nelle profondità del degrado dell’uomo, dell’umanità. Sarah Menefee compone i suoi versi liberandosi dell’acqua, creando quell’asciuttezza che ti secca la bocca, che ti sbarra gli occhi e che ti fa ribollire i piedi, nel desiderio di camminare contro corrente. Con estrema semplicità e con grande effetto riesce ad esporre le immagini del terrore generato dal potere, non per mostrare il terrore, ma per metterne in evidenza le conseguenze, per evidenziare ciò che sta intorno a queste immagini: una infinità di corpi maltrattati, lasciati ai margini della società e schiacciati dalla quotidianità, che siano essi senzatetto rintanati in uno scatolone o in cerca di cibo, che siano uomini costretti a combattere una guerra, o civili vittime della guerra, oppure donne madri private dei figli, o ancora figli privati di un arto. Tra tutti questi appaiono, inquietanti, la figura dell’uomo nel carcere di Abu Ghraib incappucciato a formare una stella nera, una stella umana ripete Sarah, e la figura di un soldato americano che fuma una sigaretta accanto ad una piramide di corpi nudi. Entrambi sembrano rappresentare la morte: vittima e carnefice. Entrambi sottomessi dal potere.

stella umana

 

Andrea Garbin

 

 

 

“LE ZANZARE” – presentazione della collana di poesia diretta da Andrea Garbin

Nasce una nuova collana di poesia intitolata “LE ZANZARE” ; una collaborazione tra l’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo e l’editore mantovano Gilgamesh Edizioni, diretta da Andrea Garbin.

da venerdì 16 maggio a domenica 18 maggio saremo in tuor con gli autori dei primi due libri della collana:

NELLA PANCIA DELLA BESTIA, di Nenad Comrade Glišić
(traduzione di Francesca Leonardi; copertina realizzata dal poeta Sandro Sardella). Prima edizione in 61 copie numerate e autografate.

LA TERRA (non è) IL CIELO! di Beppe Costa
(copertina realizzata dalla pittrice e poetessa Shikanu’ E Basta). Prima edizione in 91 copie numerate e autografate.

(Tutti i ritratti che costituiscono le copertine dei libri in collana sono realizzate da poeti)

nelle seguenti sedi:

Venerdì 16 maggio, alle ore 18:30, nel foyer del Teatro Sociale di Mantova. Evento promosso dal Caffè Sociale. Relatori Andrea Garbin, Dario Bellini e Stefano Iori.
Traduzioni di Fabio Barcellandi e Francesca Leonardi.
Ingressi: Piazza Cavallotti; Piazza Teofilo Folengo; Corso Umberto I, 2B (Mantova).

001 - Mantova

Sabato 17 Maggio, alle ore 18:00, Museo Ken Damy di Brescia.
Relatore Andrea Garbin.
Traduzioni di Fabio Barcellandi e Francesca Leonardi.
Ingressi: Corsetto S.Agata 22, Loggia delle mercanzia, Brescia.

002 - Ken Damy

Domenica 18 maggio, alle ore 18:00, Galleria Decorarte Arte Antiquariato Design di Asola (MN).
Relatori Andrea Garbin e Dario Bellini.
Traduzioni di Fabio Barcellandi e Francesca Leonardi.
Ingressi: via Giuseppe Mazzini 94, Asola (MN).

003 - Asola

– – – – –

Nenad Glišić è nato nel 1972 a Kragujevac in Jugoslavia. Poeta e scrittore, editore e performer. Ha pubblicato 9 libri: patria, tu sei come la cirrosi per il
fegato (Poesie, 1992), inni dei Kamikaze (Poesia,
1998), Fiori di Hiroshima (Haiku, 2001), canti di natura
e società (Poesie per bambini, 2004), tutto sui maldicenti (Romanzo, 2004), persone e situazioni
(Storie brevi, 2007), Anachronicles (Poesia, 2009), All’ombra dell’albero della conoscenza (Poesia, 2010),
Ere. cicli (Poesia, 2013). Si è esibito anche come musicista sperimentale e artista multimediale. Vive a Kragujevac, in Serbia.

Beppe Costa, nato in Sicilia, vive a Roma. Nel 1976
fonda la casa editrice Pellicanolibri, divenuta poi una
libreria ancora oggi frequentatissima, pubblicando,
primo in Italia, scrittori di fama internazionale. È autore
di svariati libri di narrativa e di poesia, tra cui Impaginato per affetto (Pellicanolibri) vincitore del
“Premio Alfonso Gatto” nel 1990; Anche ora che la
luna (Multimedia Edizioni) nel 2010, anche in versione
CD; Rosso: poesie d’amore e di rivolta (Volo
Press) nel 2013. Fa applicare per la prima volta in Italia la “Legge Bacchelli” a favore di Anna Maria Ortese. Nel 2011, con Stefania Battistella esce il CD Di me, di altri, ancora. Tra gli amici più cari: Alnordo Foà, Fernando Arrabal, Alberto Moravia, Dario Bellezza,
Adele Cambria, coi quali ha collaborato. Di lui hanno avuto modo di scrivere, tra gli altri, Mauro Macario, Giacinto Spagnoletti, Luce D’Eramo, Antony Costantini, Lia Levi, Silvano Agosti, Denise
Waltz Ferreri e molti altri. Attualmente dirige la collana
“Inediti rari e diversi” per la Seam Edizioni.

– – – – –

LE ZANZARE – Editoriale:

Quando penso alle zanzare mi vengono in mente i poeti. Per me che vivo in provincia di Mantova è consuetudine trovarmi a discutere con altri poeti in situazioni e luoghi infestati dalle zanzare. Ovviamente queste condizioni si presentano solo in un determinato periodo dell’anno. Mi accade allora di rispolverare un vecchio libro, uno dei primi, di Faulkner, intitolato Mosquitos (Zanzare, appunto); di ritrovarmi nella stessa situazione in cui si trovano i protagonisti di quel romanzo, che fu tra l’altro un fallimento editoriale, tanto da costare la rescissione del contratto al futuro premio Nobel. Quelle zanzare che l’autore non menziona mai nella narrazione, ma di cui si percepisce la fastidiosa presenza, mi fanno venire in mente due aspetti necessari, e di rilevante importanza, affinché un individuo possa essere ritenuto poeta a tutti gli effetti. Il poeta deve saper vivere il silenzio, deve assorbirlo, deve non farsi notare dal mondo per poterlo assimilare e comprendere nel profondo, deve restare in disparte per un certo periodo di tempo, durante il quale però la sua mente e il suo cuore maturano una costante attività di osservazione, di ricerca e di attesa. A seguito di questo periodo però, che può essere di breve o lunga durata, il poeta esce allo scoperto e con il suono delle sue parole deve saper colpire (proprio come la zanzara) e infastidire il lettore, lo spettatore, la società in cui vive e procede nel suo percorso artistico e nella quale talvolta si nasconde, perché spesso il poeta legge il mondo come una palude da riempire e scuotere, da emozionare. Per fare questo, per alimentare se stesso, come la zanzara, deve nutrirsi delle vite degli altri. Per questa sua natura il poeta è spesso ritenuto un animale fastidioso, una belva da mettere in gabbia, perché come le zanzare il poeta subisce l’influsso del sangue. Chi non sa fare ciò non può, secondo il mio modesto pensiero, essere considerato poeta. Nella palude, nel bosco, in riva al fosso, ci sono le zanzare e tanti altri insetti. Il poeta è come la zanzara: sa pungere. Tutti gli altri non sono altro che la miriade di altri insetti incapaci di essere pungenti.
Può questo essere motivo sufficiente per orientare la scelta del titolo da dare a una collana di poesia? Ovviamente no, non lo può essere.
C’è un altro importantissimo elemento da non tralasciare, ovvero il fatto che a circa tre chilometri da casa mia sono state rinvenute le steli funebri del ramo materno di Virgilio. Il poeta mantovano per eccellenza. Cosa c’entra tutto questo? Ora ve lo spiego…
Nella seconda metà del millecinquecento vennero attribuiti al poeta mantovano alcuni poemetti. Tra questi il CULEX (zanzara in latino). Ebbene, c’è un punto del poemetto in cui si racconta di un serpente, di un contadino e di una zanzara…
Il villico sta riposando all’ombra di alcune piante, ignaro della presenza del serpente che gli si sta avvicinando. Improvvisamente la zanzara lo punge e lo sveglia. Lui, d’istinto, schiaccia il piccolo insetto. Poi si accorge del serpente e lo uccide. Finalmente può riaddormentarsi sereno. Ma in sogno gli appare la zanzara uccisa e l’uomo si rende conto di quanto sia stata importante la fastidiosa puntura dell’insetto che gli ha salvato la vita. Deciderà in seguito di erigere per la zanzara un piccolo mausoleo.
La zanzara rappresenta il poeta, colui che desta la coscienza dell’umanità che non si accorge dei pericoli; colui che per questo viene incompreso e scansato; colui che solo da morto, molto spesso, riceve gratitudine e consenso. Non è quindi sufficiente che la zanzara punga, o meglio che il poeta scriva, deve lasciare un segno, in modo che questo possa essere d’aiuto a chi lo interpreta. Ma ancora non basta: deve farlo partendo dalla proprie radici, senza mai divenire entità estranea al proprio territorio d’origine. Ecco perché da mantovano non ho potuto evitare di rifarmi a Virgilio. Chi con i propri versi non fa questo non può essere davvero considerato poeta. LE ZANZARE sono allora dei piccoli libretti che contengono le punture di alcune piccole bestie che chiamiamo poeti. E in ognuno di questi libretti un poeta parla del suo mondo con i suoi versi per mezzo della sua lingua pungente. E in ognuno di questi libretti, in copertina, appare il ritratto del poeta, fatto da un altro poeta, perché chi meglio di un poeta può tracciare l’identikit di un altro poeta?
(Andrea Garbin)

JACK HIRSCHMAN – Premio alla carriera

Uno dei maggiore poeti del mondo, il quarto poeta Laureato di San Francisco sarà il protagonista assoluto della seconda edizione del Premio alla Carriera del Comune di Moniga del Garda (BS): 

giovedì 15 maggio alle ore 21
nell’occasione del volume edito dalla Seam Edizioni‘Jackissimo’

jackissimo

Sarà Jack Hirschman il protagonista assoluto della seconda edizione del Premio alla Carriera organizzato da Igor Costanzo, il comune di Moniga del Garda e l’Assessorato alla Cultura. Questo premio consegnerà, anno dopo anno, ad una o più personalità che si sono distinte in campo nazionale e internazionale nel mondo delle arti, della letteratura, della musica, dello sport. Il grande Poeta sarà anche sul lago di Garda nel corso del suo breve tour italiano organizzato da Casa della Poesia di Baronissi.

 

Giovedì 15 Maggio Hirschman sarà dunque a Moniga per ricevere il Premio alla Carriera e il dono che molti amici poeti italiani hanno pensato per festeggiare i suoi 80 anni: “Jackissimo”, volume edito dalla Seam Edizioni.

 

Insieme a lui, negli spazi offerti dal Comune, oltre a Igor Costanzo che ha ideato questo premio, ci saranno anche Beppe Costa e Stefania Battistella.

Non mancheranno le presenze istituzionali: a consegnare il Premio vero e proprio, infatti anche il primo cittadino Lorella Lavo e l’assessore alla Cultura Gloria Terzi.

Un’occasione più unica che rara, spiegano, “per consegnare un meritato riconoscimento a chi, con la sua poesia, il suo impegno civile ha segnato in tutto il mondo il più sentito messaggio contro la guerra.

 

jack2
Jack Hirschman, classe 1933, nasce a New York e cresce nel Bronx. Da giovane lavora per la Associated Press. A 19 anni riceve una lettera da Ernest Hemingway che verrà pubblicata come “Lettera a un giovane scrittore” sul New York Times alla morte del grande romanziere. Si laurea al City College di New York e consegue un Master e un Dottorato di ricerca all’Università dell’Indiana. Negli anni Sessanta insegna alla UCLA in California. È un docente molto amato dagli studenti e di grande carisma, ma viene licenziato per la sua attività contro la guerra del Vietnam. Hirschman decide allora che diventerà un’artista e un poeta.

Nel 1972 si trasferisce a San Francisco e inizia la sua lunga attività di poeta di strada e di poeta impegnato. Sebbene abbia da sempre rinunciato a pubblicare i suoi testi con grandi case editrici, il suo lavoro di poeta e traduttore è apparso in oltre 100 pubblicazioni.

Il suo testo più importante The Arcanes è stato pubblicato in Italia nel 2006 da Multimedia Edizioni.
Nello stesso anno Hirschman è stato nominato quarto poeta laureato di San Francisco.

La sua dedizione alla Poesia in tutte le sue accezioni – lirica, sociale, politica – fa di Hirschman uno dei poeti statunitensi più importanti e significativi.