La poesia di Joumana Haddad in dialetto mantovano

“Il discorso sull’amore copre un percorso noto e ricorrente. Ma, proprio perché ci si muove in un territorio usuale, la reinterpretazione del poeta si affida in misura inversamente proporzionale all’originalità della pronuncia oltre che all’incisività espressiva.” Sono alcune parole di Paolo Ruffilli ad introduzione del libro “Adrenalina” (Ed.Del Leone) di Joumana Haddad. Ed è proprio per questo motivo che ho deciso di provare a tradurre alcuni testi della poetessa libanese nel dialetto dell’alto mantovano, includendole nel progetto “Dialectos”: dopo i testi dissacranti, surreali e provocatori di Fernando Arrabal; dopo l’occhio ribelle di Dave Lordan che analizza i fattori della crisi; i temi dell’amore e della libertà trattati da Joumana.
Come dice lei stessa, e come ricorda Lello Voce nella prefazione del libro: “queste poesie sono scritte con le unghie”; ed è ciò che infatti ho avuto occasione di scoprire già la prima volta che ho incontrato questa straordinaria voce poetica in visita a Mantova, qualche anno fa, avendone poi riconferma in incontri successivi. Nella trasposizione dialettale dei due testi a seguire, alcuni termini intraducibili diventano colorite espressioni del dialetto locale, termini spesso rinvenibili nei dialoghi della quotidianità, nella diglossia di questo dialetto che ha lontane radici latine, ma anche germaniche e francesi.
Un ringraziamento a Jouamana per essersi resa disponibile a questo piccolo esperimento linguistico.

Sono una donna

Nessuno può immaginare
quel che dico quando me ne sto in silenzio
chi vedo quando chiudo gli occhi
come vengo sospinta quando vengo sospinta
cosa cerco quando lascio libere le mani.
Nessuno, nessuno sa
quando ho fame quando parto
quando cammino e quando mi perdo,
e nessuno sa
che per me andare è ritornare
e ritornare è indietreggiare,
che la mia debolezza è una maschera
e la mia forza è una maschera,
e quel che seguirà è una tempesta.

Credono di sapere
e io glielo lascio credere
e avvengo.

Hanno costruito per me una gabbia affinché la mia libertà
fosse una loro concessione
e ringraziassi e obbedissi.
Ma io sono libera prima e dopo di loro,
con e senza di loro
sono libera nella vittoria e nella sconfitta.
La mia prigione è la mia volontà!
La chiave della prigione è la loro lingua
ma la loro lingua si avvinghia intorno alle dita del mio desiderio
e il mio desiderio non riusciranno mai a domare.

Sono una donna.
Credono che la mia libertà sia loro proprietà
e io glielo lascio credere
e avvengo.

Son ‘na fómna

Nüsü al pöl enmaginà
chél che dise quand me ne stó ‘n silènsio
chi véde quand sàre j öc
cume ègne sbürlada quand ègne sbürlada
cùsa sìrche quand làse le mà a suals.
Nüsü, nüsü al sa
quand go fam quand pàrte
quand camìne o quand me pèrde,
e nüsü al sa
che pèr mé èndà l’è turnà
e turnà l’è cülà ‘ndré,
che la mé debulésa l’è ‘na màschera
e la mé fórsa l’è ‘na màschera,
e chél che pó rierà l’è ‘na tenpèsta.

I créd de saì
e mé ghè’l làse créder
e aègne.

I gh’ha fat sö pèr mé ‘na gàbia pér fa che la mé libertà
la fós ‘na lur cuncesiù
e ringrasiàses e ubidìses.
Ma mé son lìbera prima e dop de lur,
cun e sènsa de lur
son lìbera ‘n dla vitòria e ‘n dla scunfìta.
La mé presù l’è la mé uluntà!
La ciàv dèla presù l’è la lur lèngua
ma la lur lèngua la se tàca entùren a i dì del mé desidére
e ‘l mé desidére gh’la caàra mai a dumà.

Son ‘na fómna.
I créd che la mé lìbertà la sia lur prupietà
e mé ghè’l làse créder
e aègne.

*  *  *

Adrenalina

Il mio libro di chimica afferma
Che quando ti ho visto per la prima volta
il mio sistema nervoso
ha trasmesso segnali in codice al mio cervello
Poi la mia ghiandola endocrina
ha emesso ormoni di ogni tipo
e li ha inviati come messaggeri ai miei sensi
Che si sono infiammati…
E quello è l’amore!

Quello stesso libro rettangolare e rosso dice:
Se siamo innamorati
è grazie all’endorfina
e dovrei ringraziare anche
il testosterone e la luliberina,
soprattutto non bisogna dimenticare la dopamina,
questa astuta che sussurra al mio orecchio:
«cerca la fonte del piacere!».
«
cerca la fonte del piacere!».
Un cocktail erudito,
ecco cos’è il colpo di fulmine,
una reazione biologica
un fiotto di sangue nelle vene
una corrente elettrica tra le cellule
e un po’ di magnetismo.

La norepinefrina per la mancanza,
e per inturgidire i seni;
la feniletalamina per dilatare le pupille
e far tremare la mano nella mano
ah, dimenticavo:
l’ossitocina per l’attaccamento,
la serotonina per vincere la noia
quanto alla vasopressina…
che invenzione diabolica!
È per questo che non tollero
altri uomini se non te.

I meccanismi sono semplici,
assicura il mio piccolo libro:
dei feromoni di un certo tipo,
rilasciati dal corpo al primo contatto,
eccitano la materia grigia
e producono languore
che diventa attrazione soggiogante
poi disturbo funzionale,
poi ossessione compulsiva,
poi bisogno organico, assuefazione, avvelenamento
e questo avvelenamento,
dichiara la chimica,
questo avvelenamento è l’amore.

E= mc²
dice la fisica a sua volta,
e se ti trovo meraviglioso
senza pari
e non vedo né difetti né debolezze,
è perché la relatività regna nell’universo,
e la relatività,
così come l’avvelenamento,
è l’amore.

Cliniche e laboratori,
cifre e tomografie
esaminano i fenomeni della gelosia e dell’adulazione,
studiano il fascino e la seduzione,
decifrano i segreti della passione
e le ore passate a contemplare
il maledetto telefono aspettando che suoni,
e il mistero della gola quando si restringe,
e il desiderio ardente che incendia i vestiti
e questa sensazione inebriante di fluttuare.
Adrenalina,
tutto è adrenalina amore mio:
la vera romantica è la testa,
affermano i radiologi,
ed è nel cranio,
non dal lato destro del petto,
che nasce l’amore.

I miei affidabili libri scientifici,
le mie enciclopedie e i riferimenti,
attestano che non c’è motivo di meravigliarsi,
che è tutta una questione di geni,
di dosi, equazioni e formule.
Ossia, non c’è motivo di stupirsi,
eppure quando ti guardo
quando sento un cuore nel tuo cuore
e un altro in quello lì e un quarto un quinto
fino all’infinito,
come cerchi immortali sulla superficie di un lago,
e quando da questi cerchi appare il tuo nome,
il tuo nome e nessun’altro,
senza dubbi né paure
senza spiegazioni né analisi:
vita data e vita ricevuta
con la naturalezza di un fiore selvaggio che cresce
senza volontà di alcun essere,
quando dormo in te, albero che dorme in un albero,
e in un rito di dati ti offro
tutti i giorni tutto il mio essere;

In quel momento, dico,
è questo
e solo questo
l’amore.


Adrenalina

Al mé lìber de chimica ‘l dis
che quand t’ho ést la prima ólta
‘l mé sistema nervùs
gh’ha trasmitìt segnài en codice al mé servèl
Pó la mé gìangula endocrina
gh’ha casàt föra urmù de ogna sórt
e i a mandà cume mesagér a i mé sèns
Che i s’è enfiamàc…
E chél l’è amùr!

Chél stés lìber a retàngol e rós el dis:
Se sóm inàmurac
l’è gràsie a l’endurfìna
e duarés ringrasià apó
‘l testosterù e la luliberina’
suratöt bisògna mia desmentegà la dupamina,
‘sta sacrabòla che la murmura al mé uréc:
«cìrca la font del piasér!».
«cìrca la font del piasér!».
En cocktail erudit,
èco cus l’è ‘l culp de fülmin,
‘na reasiù biulogica
‘n fiòt de sàngh ‘n dele éne
‘na curènte eletrica tra le cèlule
e ‘n po’ de magnetismo.

La nurepinefrina pèr la mancànsa,
e pèr endürì le söche;
la feniletalamina pèr slargà i pütì dèi öc
e fa tremà la ma en dèla ma
ah, desmentegàe:
l’ositocina pèr el tricutére,
la serotonina pèr ènser la noia
quant ala vasopresina…
che invensiù diabòlica!
L’è pèr chél che supurte mia
àter om se mia te.

I mecanìsmi i è senplici,
sücüra el mé pìcol lìber:
dei ferumù de ‘n cert tipo,
mulàc dal còrp al prim cuntàt,
i ecìta la matéria grisa
e i prudüs bisigulì
che’l deènta sugiugànte atrasiù
pó distürb funsiunàl,
pó usesiù cunpulsìva,
pó bisògn urgànich, suefasiù, velenamènt
e sté velenamènt,
dichiara la chimica,
sté velenamènt l’è l’amùr.

E= mc²
dis la fisica a sò
ólta,
e se te cate merailiùs
sènsa cunpàgn
e véde mia difècc né debulése,
l’è perché la relatività la regna ‘ndel’univèrs,
e la relatività,
isé cume ‘l velenamènt,
l’è l’amùr.

Cliniche e laburatòre,
cifre e tumografie
le esàmina i fenomeni d’la gelusìa e d’la ‘nmelasiù,
le stüdia ‘l fascin e la sedusiù,
le decìfra i altarì de la pasiù
e le ure pasade a cuntemplà
‘l telefono maledét spetando che’l sunès,
e ‘l mistére de la gùla quand la se strènz,
e la òia ardènte che la brüsa li istìcc
e chésta sensasiù de undegià che da al có.
Adrenalina,
töt l’è adrenalina amùr mé:
el reàl rumàntich l’è ‘l
có,
i dis i radiologi,
e l’è ‘ndel cranio,
mia ‘nde l’abànda dèstra del pèt,
che nàs l’amùr.

I mé afidàbii lìber scientici,
le mé ‘nciclupedie e i riferimènc,
le atèsta che gh’è mia mutìv de restà sbalurdì,
che l’è töta ‘na quistiù de geni,
de dosi, equasiù e formule.
Cioè, gh’è mia mutìv de restà,
epör quand te àrde
quand sènte ‘n cör en del tò cör
e ‘n àter en chél lé e ‘n quart en quint
fin al finfinòrum,
cume sircoi enmurtài sö la superfice d’en lagh,
e quand da chésti sircoi cunpàr el tò nom,
el tò non e nüsü àter,
sènsa döbe né timùr
sènsa spiegasiù né analisi:
ìta dada e ìta ricìida
cun la natüralèsa d’en fiùr selvàs che’l crès
sènsa uluntà d’en quàl èser,
quand dòrme en te, àlber che’l dòrma ‘n d’en àlber,
e ‘n d’en rito de dati te òfre
töcc i dé töt el mé èser;

En Chél mumènt, dise,
l’é chésto
l’è sul chésto
l’amùr.

pic HADDAD joumana sep09- by Philippe Matsas

Advertisements
Published in: on 7 febbraio 2013 at 22:36  Lascia un commento  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://poesiadalsottosuolo.wordpress.com/2013/02/07/la-poesia-di-joumanda-haddad-in-dialetto-mantovano/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: